Videomessaggio di Mons. Peter Bürcher agli ammalati e anziani

Traduzione italiana del Videomessaggio

Cari ammalati e anziani, cari fedeli,
„Se un membro soffre, tutte le membra soffrono insieme“ (1 Cor 12,26), scrive San Paolo. In questo modo descrive in maniera molto appropriata, ciò che la Chiesa è in realtà: la comunione dei fedeli. In questi difficili tempi di pandemia desidero rivolgermi particolarmente a voi sofferenti e dirvi: Non siete soli! Non siete isolati! Noi tutti vi accompagniamo: noi, cioè tutta la Chiesa, la Chiesa in tutto il mondo. Mi sento profondamente unito ad ognuna ed ognuno di voi. In particolare con la preghiera per voi e con voi. Il nostro Dio non ci lascia mai!

Gli operatori del settore sanitario e assistenziale non solo danno una luminosa testimonianza della loro eccellente e generosa professionalità, ma si dimostrano anche essere esperti di umanità. Per questo meritano la nostra profonda gratitudine, la gratitudine di tutta la Chiesa.

Maria, che invochiamo nella Chiesa come „salute degli infermi“, protegga e accompagni voi che siete sofferenti e anziani, insieme alle vostre famiglie e a coloro che ogni giorno si prendono cura di voi.

Vi benedico di tutto cuore
Beatrice Zuri-Hui,


Bereitgestellt: 19.05.2020     Besuche: 15 Monat 
aktualisiert mit kirchenweb.ch